• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Il Festival PDF Stampa E-mail

Il Festival Ferie d’Augusto è promosso e organizzato da:

 Città di Bene Vagienna

in collaborazione con
Torino Spettacoli Teatro Stabile Privato - Fondazione Teatro Nuovo - Liceo Germana Erba
con il contributo di
Regione Piemonte  - Provincia di Cuneo
Soprintendenza Archeologica Piemonte – Ente Gestione Parchi e Riserve Naturali Cuneesi
Associazione Teatri di Pietra – Plautus Festival, Sarsina – Tau/Teatri Antichi Uniti
ATL Cuneo - Amici di Bene - BCC-Bene Vagienna - Ass. It. Cultura Classica-Cuneo

con il sostegno e la collaborazione di

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Regione Piemonte - Consiglio Regionale del Piemonte - Provincia di Cuneo

Soprintendenza Archeologica Piemonte – Parco del Marguareis

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte

Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo

ATL Cuneo – Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero - Amici di Bene

Associazione Italiana Cultura Classica di Cuneo

Il Regista Girolamo Angione

il-regista-Girolamo-Angione

Il festival Ferie di Augusto a Bene Vagienna
e la valorizzazione del sito archeologico di Augusta Bagennorum

Motivo ispiratore e necessitante del Festival Ferie di Augusto è quello di far vivere il  fascino e l’originalità di un sito archeologico attraverso eventi e spettacoli ispirati al  passato classico: Teatro antico in un Teatro antico. Una corrispondenza ovviamente non  casuale, ma che sembra premiare, per una volta, un necessario ma non scontato sforzo di  coerenza: fare la cosa giusta nel posto giusto.

Coordinato da Girolamo Angione, il Festival, nato dal talento di Germana Erba e Gian  Mesturino, che delle Ferie di Augusto in veste classica è stato il primo e convinto ideatore,  è realizzato in collaborazione con due qualificate realtà artistiche e culturali piemontesi: la  Fondazione Teatro Nuovo con i GET Germana Erba’s Talents e il Teatro Stabile Privato  Torino Spettacoli con il Festival di Cultura classica, convenzionati con il Comune di Bene   Vagienna, notevole città d’arte e di storia della provincia di Cuneo.

La finalità progettuale e operativa del Festival è dunque la valorizzazione della cultura teatrale, con attenzione specifica alla divulgazione di autori e temi classici e all’integrazione tra quel meraviglioso luogo che è il sito archeologico di Bene Vagienna e la proposta spettacolare. Il programma del Festival, compatto nella concentrazione temporale degli eventi, comprende, oltre a eventi prodotti e coprodotti, prestigiose ospitalità, a comporre un quadro culturale coeso nelle linee artistico-culturali che favorisce l’integrazione tra le arti e i diversi linguaggi espressivi dello spettacolo dal vivo.

L’immenso sito archeologico di Bene Vagienna, ospitato all’interno del più vasto Parco Archeologico, si trova in località Roncaglia a pochi chilometri dal Centro urbano e si sviluppa in due poli deputati: il Teatro romano e la Cascina Ellena, che sorge sui resti dell’anfiteatro, in parte ben visibile, e ne porta le tracce nei muri.

Oltre che nel sito archeologico romano dell’Augusta Bagienorum, il Festival di Cultura Classica Ferie di Augusto a Bene Vagienna si svolge ogni anno nel mese di luglio anche in alcuni spazi storici e artistici nel centro di Bene Vagienna, quali sale e cortili recentemente restaurati del Palazzo Lucerna di Rorà e di Casa Ravera.

- Il Teatro romano, costituisce il reperto archeologico più rilevante di tutta l’area, considerata tra più importanti siti archeologici del territorio piemontese. Il Teatro è reso straordinariamente affascinante anche dalla suggestiva illuminazione notturna di fiaccole e candele che accoglie il pubblico del Festival. La Sovrintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte ha ricostruito il palcoscenico del Teatro dotandolo di nuovi accorgimenti tecnici che ne migliorano la funzionalità e ha ristrutturato tutta l’area di accesso: un significativo investimento per il futuro del sito e per il radicamento e lo sviluppo del Festival di Cultura Classica in quella sede.

- Cascina Ellena, sorge  sul perimetro dell’Anfiteatro romano ed è un’antica costruzione rurale, in gran parte realizzata nel tempo con le pietre emergenti dalle rovine classiche. Ristrutturata e adibita a foresteria e centro d’incontro e accoglienza per studiosi e turisti.  

- Museo Archeologico ha sede nel centro di Bene Vagienna nel pregevole Palazzo Lucerna di Rorà. Riplasmato fra il 1600 e il 1700 su una preesistente struttura medioevale, dopo aver ospitato il Generale Bonaparte durante la campagna d’Italia, il Palazzo subì lavori di restauro nel corso dell’Ottocento e dall’inizio del Novecento è sede del "Museo Archeologico", e ospita nelle sue sale i reperti romani raccolti negli scavi effettuati nell’area romana dell’Augusta Bagiennorum. Gli spazi del Museo si aggiungono e si integrano dunque perfettamente a quelli del sito archeologico per ospitare durante il Festival manifestazioni e laboratori pensati per  coinvolgere gli spettatori in un ideale “scavo in corso” permanente, vivo e spettacolare, da cui sorprendentemente tornano alla luce antichi reperti dei generi più diversi, architettonici o poetici, letterari o teatrali, ma tutti insieme, nella stessa vitale sinergia in cui coesistevano in epoca antica.

- Casa Ravera. Merita segnalare anche la fruibilità di altri spazi a disposizione del Festival, come la affascinante testimonianza medioevale di Casa Ravera di recente restauro con ricco Spazio Museale, curato dalla associazione Amici di Bene.

Il Festival propone dunque un progetto culturale integrato e compatto - valido anche sul piano del turismo culturale - che offre l’opportunità di rivivere a più livelli e con prospettive di grande interesse e originalità il repertorio classico, proponendo un percorso coerente che unisce al rigore dei contenuti una grande varietà di linguaggi e un vivo richiamo spettacolare; un progetto ricco e qualificato che muove dai capolavori del teatro antico per aprirsi coraggiosamente agli autori contemporanei capaci di affermare con forza il legame profondo che unisce il mondo classico ai nostri giorni.

Sinergie artistiche, culturali, organizzative e promozionali

Il festival Ferie di Augusto si segnala, inoltre, per l’impegno inteso a creare intorno al Festival una rete di sinergie con analoghe manifestazioni attive sul piano nazionale: da anni il Festival e il teatro romano di Bene Vagienna è l’unico progetto del Piemonte e di tutta l’Italia del nord a far parte della rete di quasi quaranta aree antiche e monumentali - dalla Toscana al Lazio alla Campania, dalla Basilicata alla Calabria alla Sicilia, riunite nel progetto culturale Teatri di Pietra, curato con passione e competenza da Aurelio Gatti.

Di particolare rilievo anche il collegamento con il Plautus Festival di Sarsina, uno dei più antichi e prestigiosi festival italiani di teatro classico, più volte presente con i suoi spettacoli nel cartellone del Festival. Dal 2019 il Festival Ferie di Augusto rientra nelle attività del cartello TRA(ce)S, l'iniziativa transfrontaliera italo-francese promossa e sostenuta dal Fondo Europeo di, Sviluppo Regionale Interreg ALCOTRA cui aderisce il Comune di Bene Vagienna nell'ambito di una collaborazione con il Dipartimento Alpes-de-Haute-Provence.

Promozione del turismo culturale.

Dal 2009 si è stabilita anche una proficua ed efficace collaborazione con GTT che ha permesso di realizzare alcune vere e proprie “gite teatrali” di grande successo da Torino a Bene Vagienna, con visita alla città, cena in agriturismo e spettacolo al Teatro Romano, dando piena operatività all’impegno di mettere in atto, oltre a un’integrazione consapevole dei servizi, una ricca offerta di collegamenti di significato turistico. Quella che il Festival realizza, è una attenta operazione di promozione del turismo culturale, che offre, accanto agli spettacoli, molteplici occasioni di scoperta del patrimonio artistico e storico del territorio, unite a proposte enogastronomiche ed agrituristiche.